Volterra, fascino e mistero
Volterra
Passeggiando nel borgo medievale di Volterra non è difficile immaginare la vita di un tempo. Nell’aria riecheggiano le storie di streghe e vampiri; nelle botteghe si lavora ancora l’alabastro; fuori dalle mura un panorama aspro e selvaggio ospita altre meraviglie, come il l’Acropoli etrusca e il Teatro Romano
DINTORNI
Volterra

Gioiello d’arte etrusca e medievale, Volterra domina da un colle le valli del Cecina e dell’Era, a poco più di 30 km dalla costa tirrenica. La suggestione aumenta, via via che ci avviciniamo alle sue mura. Volterra, in origine Velathri, è caratterizzata da aspetti magici e, a tratti, enigmatici anche per via delle antiche leggende che da sempre l’accompagnano. Si narra infatti che Volterra sia stata una delle prime città ad esser stata popolata da streghe e vampiri. La sua, è una storia lunga, che risale al Neolitico, ma sono il V e il IV secolo a.C. ad averla portata nei libri di storia e nelle leggende.

Nel ‘200 assunse quell’impianto urbanistico che ne fa una delle città comunali italiane meglio conservate e leggibili.  Si percorrono le sue stradine lastricate e si rivive la sua storia: si passa la porta dell’Arco, una delle più importanti testimonianze della Volterra etrusca, e si arriva in piazza dei Priori, una delle più belle piazze medievali italiane, nella quale domina il palazzo dei Priori, simbolo del potere comunale.

Si visita il Duomo e l’annesso Battistero, la ricchissima Pinacoteca e il famoso Museo etrusco Mario Guarnacci. Si vaga senza meta per il centro storico, alla ricerca delle tradizioni come quella dell’artigianato dell’alabastro, lavorato ancora con passione, nelle botteghe del centro.

Nella struttura dell’antica Torre Minucci, nella Pinacoteca Comunale, si può visitare l’ecomuseo  dell’alabastro che, insieme alle realtà museali di Castellina Marittima e Santa Luce, fa parte di un interessantissimo itinerario culturale legato a questa tradizione artistica e artigianale unica in tutto il mondo e che ancora oggi rappresenta una delle massime espressioni dell’artigianato classico italiano.

Spostandosi all’esterno delle mura si possono ammirare le rovine dell’Acropoli etrusca e quelle del Teatro Romano, di età imperiale, riportato alla luce grazie agli scavi condotti negli anni 50, uno degli edifici teatrali più belli e meglio conservati d’Italia.

Galleria fotografica & Mappa

tutte le attività da fare, vere e proprie esperienze da vivere

Esperienze

in Toscana

tutte le attività da fare, vere e proprie esperienze da vivere

Translate »